Laurea Magistrale in Scienze e tecniche dell'attivita' sportiva

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2016/2017
Ordinamento D.M. 270
Codice 8037
Classe di corso LM-68 - SCIENZE E TECNICHE DELLO SPORT
Anni Attivi I, II.
Modalità didattica Convenzionale (lezioni in presenza)
Tipo di accesso Prova di verifica dell’adeguatezza della preparazione​
Sede didattica Bologna
Coordinatore del corso Claudio Stefanelli
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

L'obiettivo di base del Corso è quello di fare acquisire ai laureati magistrali conoscenze scientifiche avanzate nel campo delle attività sportive di elevato livello.
Nel Corso vengono acquisite conoscenze e competenze atte ad indurre negli atleti il raggiungimento delle migliori prestazioni agonistiche mediante tecniche di allenamento avanzate e l'ottimizzazione della performance fisiologica e tecnica dell'atleta.
Tali obiettivi vengono raggiunti mediante lezioni frontali ad impostazione seminariale ed incontri con esperti del settore ed atleti d'elite, tramite studio di casi, dimostrazioni tecnico-pratiche sul campo ed esercitazioni individuali con l'uso di strumenti avanzati di analisi della prestazione; con la compilazione di rassegne bibliografiche individuali e stesura di elaborati originali sulle discipline e sulle tecniche studiate; mediante stage presso società e centri sportivi qualificati per le differenti discipline sportive; infine, con la realizzazione di una tesi sperimentale su un tema connesso al curriculum degli studi.

Ulteriori informazioni

Tutor del corso di studio ai sensi del DM 544/07


Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: MOTORIA, SPORTIVA E TECNOLOGICA
Il laureato magistrale:
• conosce le basi della meccanica del corpo rigido, i fondamenti della biomeccanica del movimento umano, i principali protocolli impiegati nell'analisi del movimento e le soluzioni tecnologiche disponibili per il controllo dell’allenamento, sa riconoscere le potenzialità applicative ed i limiti dei principali strumenti per le misure cinematiche e dinamiche in ambito sportivo;
• sa progettare un programma di allenamento nel breve, medio e lungo periodo, nelle diverse tappe della preparazione, per le diverse tipologie di sport, specificando le caratteristiche del carico in base alla prestazione individuale, per età, livello di specializzazione e genere;
• conosce le principali problematiche dell'allenamento in situazioni particolari come: allenamento in quota e condizioni ambientali particolari. Possiede competenze approfondite sulla preparazione fisica individualizzata per diverse tipologie di sport; comprese quelle preventive e per il recupero dell'atleta infortunato;
• conosce il modello di prestazione utilizzando i metodi scientifici ed è in grado di progettare e realizzare un piano di allenamento specifico anche tecnico-tattico per diversi livelli negli sport individuali, di squadra e paraolimpici;
• conosce la struttura organizzativa degli staff tecnici e delle specializzazioni professionali nelle diverse tipologie di sport.


AREA DI APPRENDIMENTO: BIOMEDICA
Il laureato magistrale:
• conosce le principali modificazioni dei parametri funzionali: muscolari, metabolici, cardio-circolatori e respiratori, negli atleti impegnati in vari tipi di attività sportive e a differenti livelli;
• conosce le interazioni tra sistema ormonale e prestazione sportiva - è capace di discutere le modificazioni a lungo termine, causate dall'allenamento, sui muscoli, sulle funzioni metaboliche e sugli apparati cardio-circolatorio e respiratorio;
• conosce le modificazioni fisiologiche connesse a condizioni ambientali modificate, quali le variazioni barometriche e termiche, anche in condizioni estreme;
• sa riconoscere e diagnosticare alcune patologie più frequenti che occorrono durante l'attività sportiva ed è in grado di prevenirne le complicanze e di trattare le emergenze, fino all'arrivo del personale sanitario;
• conosce le caratteristiche peculiari delle principali tipologie di sport e i loro risvolti in ambito nutrizionale;
• conosce la classificazione e il meccanismo d’'azione delle sostanze dopanti; saprà valutare i rischi associati al doping e i potenziali effetti negativi derivanti dall'abuso dei farmaci da parte dell'atleta.


AREA DI APPRENDIMENTO: PSICO-PEDAGOGICO E GIURIDICO-ECONOMICA
Il laureato magistrale:

• conosce le problematiche specifiche che riguardano l'avviamento e l'educazione allo sport nell'età infantile, sia per ciò che riguarda le competenze che un allenatore/educatore in questo ambito deve possedere, sia per gli aspetti connessi al coinvolgimento della famiglia e al ruolo che la scuola può assumere nella promozione della cultura e dell'attività sportiva.
• conosce i problemi di natura psicopedagogica, tecnica e organizzativa che caratterizzano setting sportivi rivolti all'infanzia e le modalità corrette per affrontarli;
• possiede gli strumenti per migliorare la competenza comunicativa attraverso un training volto ad apprendere comportamenti assertivi.
• conosce i concetti fondamentali e la terminologia del diritto, con particolare riguardo alle nozioni ed alla disciplina dei soggetti del diritto privato, del diritto di proprietà e del possesso, del contratto in generale, dei contratti di compravendita, appalto, mutuo, comodato, e del fatto illecito.
• comprende le nozioni fondamentali in tema di soggetti dell'ordinamento sportivo, contratto di sponsorizzazione sportiva, illecito sportivo.
• conosce i concetti di valore economico, vantaggio competitivo e governance delle imprese con specifico riferimento alle organizzazioni operanti in ambito sportivo


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: MOTORIA, SPORTIVA E TECNOLOGICA
Il laureato magistrale:

• E’ in grado di utilizzare strumenti informatici per raccogliere i dati dell'allenamento e dei test per il controllo della prestazione e dello stato di forma utili per la stesura in tempo reale di un data base training computerizzato;
• è capace di utilizzare gli strumenti tecnologici più avanzati per il controllo in tempo reale dell'allenamento di resistenza, forza, potenza e rapidità e controllare con strumenti adeguati lo stato di overreaching e sovrallenamento;
• è capace di scegliere, tra le diverse tipologie, i test più importanti ed idonei per ogni sport in base al modello di prestazione, ed è in grado di differenziarli in riferimento al soggetto da valutare in relazione al livello prestativo, all'età ed al genere;
• è in grado di analizzare gli sport di squadra da un punto di vista fisico e da un punto di vista tecnico-tattico attraverso la notational analysis e la match analysis; - conosce i principali metodi di allenamento della preparazione Tecnica, Tattica e Fisica utilizzati dalle squadre di alto livello nei più importanti Sport di Squadra.

AREA DI APPRENDIMENTO: BIOMEDICA
Il laureato magistrale:
• è in grado di valutare le principali modificazioni dei parametri funzionali: muscolari, metabolici, cardio-circolatori e respiratori, negli atleti impegnati in vari tipi di attività sportive e a differenti livelli, da quelli amatoriali a quelli di elite.
• è in grado di illustrare e giustificare le linee guida per una sana alimentazione per la popolazione in generale.


AREA DI APPRENDIMENTO: PSICO-PEDAGOGICO E GIURIDICO-ECONOMICA
Il laureato magistrale:

• è in grado di acquisire la capacità di riflettere, in forma critica e propositiva sui percorsi di mediazione educativa che caratterizzano l'inserimento di bambini e bambine nelle discipline sportive;
• è in grado di considerare ogni contesto organizzato secondo un approccio sistemico (olistico) focalizzato sull'uomo (lo sportivo), sui suoi bisogni (motivazione, autostima, autorealizzazione, autoefficacia percepita, etc.)
• acquisisce la capacità di reperire fonti normative, di consultare codici e banche dati e quindi di aggiornarsi in merito alla normativa di settore.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato magistrale:

• valuta le condizioni fisiche degli atleti, in base ai rilevamenti qualitativi e quantitativi strumentali, e li indirizza appropriatamente alle discipline e ai ruoli più adatti;
• valuta i miglioramenti della prestazione determinati dai programmi di allenamento, individuali e di squadra, e quindi adatta e correggere adeguatamente i programmi allo scopo di raggiungere gli obiettivi prefissi;
• giudica le strategie didattiche e psicologiche più adeguate per la gestione dell'allenamento, la motivazione degli atleti, la risoluzione degli eventuali conflitti all'interno di gruppi o squadre.

L'autonomia di giudizio viene sviluppata in particolare tramite esercitazioni, seminari con esperti, sviluppo di project work specifici relativi ai temi sportivi, come allenamento e programmazione relativi ai diversi insegnamenti previsti dal Corso di studio, dal tirocinio e tramite l'attività assegnata dal docente relatore per la preparazione della prova finale.
La verifica dell'acquisizione dell'autonomia di giudizio avviene tramite la valutazione degli insegnamenti del piano di studio dello studente e la valutazione del grado di autonomia e capacità di lavorare, anche in gruppo, durante le esercitazioni, le prove in itinere e la prova finale, tramite questionari altre prove scritte, presentazioni in power point e orali.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato magistrale:
• comunica con gli atleti e i collaboratori del team in maniera efficace, per favorire la motivazione e la prestazione, sia in allenamento che in gara
• favorisce la comunicazione interpersonale e comunica efficacemente con i media, le associazioni e la società.
• utilizza strumenti informatici oltre che per il miglioramento della prestazione e l'organizzazione dell'allenamento, anche per una ottimale comunicazione delle informazioni.

L'acquisizione delle abilità comunicative sopraelencate avviene in forma diversa all'interno delle attività formative e viene verificata negli elaborati scritti o multimediali, nelle esposizioni orali, nelle attività di coordinamento o partecipazione nei gruppi di lavoro, negli interventi seminariali e nella verifica della comprensione di testi anche in lingua inglese.
La prova finale, inoltre, offre allo studente un'ulteriore opportunità di approfondimento e di verifica delle capacità di analisi, elaborazione e comunicazione del lavoro svolto.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato magistrale:

• applica i metodi e gli strumenti di apprendimento sviluppati per approfondire i contenuti studiati, da utilizzare sia in contesti professionali che per comprendere e intraprendere studi successivi più complessi e approfonditi con il metodo scientifico.
• aggiorna e amplia autonomamente le proprie conoscenze di elevato livello, in funzione dello specifico impiego e del progresso delle scienze sportive.
• acquisisce e utilizza le informazioni scientifiche necessarie per valutare la validità delle proprie attività professionali, e quelle proposte nella letteratura scientifica avanzata in accordo con i principi delle buone pratiche basate sulle evidenze scientifiche.

Le capacità di apprendimento sono conseguite attraverso il percorso di studio nel suo complesso, con riguardo particolare a tutte le attività autonome previste nell'arco del biennio di formazione cioè progetti individuali e di gruppo in vista dell’esame delle singole attività formative e lo svolgimento della prova finale.
La capacità di apprendimento è verificata:
- in maniera continua durante le attività formative, specialmente in laboratorio ma anche con presentazioni individuali o di gruppo durante le lezioni frontali;
- attraverso la valutazione della capacità di auto-apprendimento maturata durante lo svolgimento del tirocinio
- nell'attività relativa alla prova finale monitorata dal relatore.

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e scuola di specializzazione) e master universitario di secondo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Allenatore e preparatore fisico e atletico, operatore nelle attività ludiche propedeutiche all’avviamento allo sport

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il professionista Allenatore e preparatore fisico e atletico, operatore nell’avviamento allo sport nelle attività ludiche e nell’avviamento allo sport sarà in grado di programmare attività e allenamenti specifici per sport, genere a livelli diversi di prestazione dall’avviamento allo sport alle attività di alto livello

In particolare:
• progetta, coordina e dirige attività tecnico sportive in ambito agonistico nei vari livelli, fino a quelli di massima competizione, presso associazioni e società sportive, enti di promozione sportiva, istituzioni e centri specializzati;
• progetta, coordina e dirige attività di preparazione fisica e atletica nei vari sport ed ai vari livelli, fino a quello professionistico presso associazioni e società sportive, enti di promozione sportiva, istituzioni e centri specializzati;
• progetta coordina e dirige attività di preparazione fisica presso i Centri di addestramento delle Forze Armate e dei corpi impegnati a garantire la sicurezza e la difesa dello Stato;
• svolge valutazioni specifiche per sport, al fine di definirne il modello di prestazione;
• Si occupa dei contenuti dell’allenamento e la pianificazione dei programmi;
• Coordina gruppi di preparatori, valutatori e scout man;
• Collabora con medici e psicologi dello sport per la valutazione degli atleti, la prevenzione di patologie, la ricerca di una vita sana e un pronto recupero in caso di infortunio.

La figura professionale acquisite le competenze specifiche di carattere scientifico raggiungerà livelli maggiori di autonomia e di responsabilità nella professione soprattutto nell’ambito della progettazione scientifica dell’allenamento sportivo e del coordinamento di gruppi di esperti. Inoltre avrà le basi per accedere a master universitario di primo e secondo livello a carattere sportivo e a dottorato di ricerca.


COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni previste sono richieste specifiche conoscenze, capacità e abilità di tipo specialistico in ambito tecnico-scientifico. Le principali competenze associate alle funzioni sono:
- Valutazione della prestazione fisica e tecnico – tattica degli atleti con tecnologie all’avanguardia;
- Programmazione dell’allenamento diversificato per genere, categoria di prestazione e tipologia di sport;
- Protocolli di allenamento speciale e funzionali per sport individuali, di squadra, natatori e paraolimpici;
- Analisi della performance biomeccanica e della match analysis.
- capacità di auto-apprendimento e di aggiornamento continuo, con adeguate competenze trasversali di tipo comunicativo - relazionale, organizzativo - gestionale e di programmazione relativamente a organizzazioni sportive e gruppi di operatori esperti delle diverse discipline sportive.


SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
I principali sbocchi occupazionali:

- Strutture pubbliche e private negli ambiti dello sport sociale, dello sport di competizione (Federazioni) e nello sport per disabili;
- Palestre, piscine impianti sportivi, centri sportivi polivalenti, centri di vacanze ed organizzazioni turistiche interessate all’attività sportiva;
- Centri di preparazione per lo sport paraolimpico
- Centri di addestramento delle forze armate e dei corpi impegnati a garantire la sicurezza e la difesa dello Stato;
- Impianti sportivi e strutture in cui sono organizzate e svolte attività sportive disciplinate dalla federazione sportive nazionali e dagli enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI.