Laurea in Scienze farmaceutiche applicate

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea
Anno Accademico 2016/2017
Ordinamento D.M. 270
Codice 8518
Classe di corso L-29 - SCIENZE E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE
Anni Attivi I, II , III
Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Tipo di accesso Numero programmato
Curricula Il corso è articolato nei seguenti percorsi: TECNICHE ERBORISTICHE, TOSSICOLOGIA AMBIENTALE.
Sede didattica Imola
Coordinatore del corso Ferruccio Poli
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il corso di studio in Scienze farmaceutiche applicate siarticola in due curricula, la cui finalità è quella di formare le figureprofessionali del Tecnico erborista e del Tossicologo ambientale. Il laureatoin Tecniche erboristiche è in grado di gestire le attività relative allaproduzione, controllo, trasformazione e commercializzazione di pianteofficinali e di loro derivati in strutture private o pubbliche. Il laureato nelcurriculum di Tossicologia ambientale ha le competenze per poter lavorare inlaboratori pubblici o privati, svolgendo attività di controllo biologico,chimico, microbiologico e tossicologico e di valutazione del rischio associatoalla presenza di sostanze tossiche nell'ambiente e negli alimenti. Entrambi ilaureati hanno competenze riguardanti la normativa, utili all'esercizio deivari aspetti delle attività professionali sia in ambito nazionale cheinternazionale.
I laureati in Scienze farmaceutiche applicate possono inoltre sostenere l'esamedi stato per Chimico "Junior" Sezione B.
Dall'A.A. 2012/13 il corso di studio prevede un numero programmato di studenti;il numero di studenti iscrivibili e le modalità di svolgimento della selezionevengono resi pubblici ogni anno con il relativo bando di concorso.
Entrambi i curricula si articolano in tre anni e prevedono 21 attivitàformative obbligatorie, molte delle quali sono integrate da esercitazioni dilaboratorio a posto singolo.
Il primo anno di corso prevede insegnamenti che forniscono allo studente leconoscenze matematiche, fisiche, chimiche e biologiche indispensabili per lacomprensione e l'apprendimento delle discipline specifiche e caratterizzantipresenti nel secondo e terzo anno di corso. Lo studente ha inoltre lapossibilità di approfondire le conoscenze professionalizzanti in ambito tecnicoerboristico o tossicologico ambientale scegliendo tra attività formativeannualmente proposte dal corso di studio per un minimo di 12 crediti formativiuniversitari (CFU). Il percorso formativo si conclude per entrambi i curriculacon un periodo di tirocinio, al temine del quale lo studente consegue 7 CFU, dasvolgersi in strutture universitarie o in strutture esterne convenzionate, taleattività contribuisce in maniera determinante alla qualificazione delle figureprofessionali formate e allo sviluppo di future possibilità di lavoro. Siconsegue il titolo mediante prova finale che consiste nella discussione di unarelazione scritta riguardante in particolare gli argomenti inerenti le attivitàcaratterizzanti.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: DISCIPLINE MATEMATICHE, FISICHE E INFORMATICHE
Il laureato:
• Conosce le nozioni basilari di informatica e dei servizi internet
• Possiede le conoscenze di base della fisica e della matematica, necessarie alle attività formative successive.


AREA DI APPRENDIMENTO: DISCIPLINE CHIMICHE
Il laureato:
• Conosce i principi fondamentali della chimica nel campo della struttura molecolare, delle reazioni e degli equilibri chimici.
• Conosce i principi fondamentali della chimica organica, le principali classi di composti organici e la loro reattività.
• Possiede le conoscenze di base di chimica analitica e degli strumenti statistici per la valutazione dei risultati.


AREA DI APPRENDIMENTO: DISCIPLINE BIOLOGICHE E MORFOLOGICHE
Il laureato:
• Possiede nozioni di anatomia microscopica e macroscopica, conosce l'organizzazione dei tessuti e dei diversi organi del corpo umano.
• Conosce le strutture fondamentali della cellula animale e vegetale, i meccanismi di riproduzione delle cellule e degli organismi.
• Possiede conoscenze di biochimica generale ed applicata utili a comprendere i meccanismi biologici e le attività metaboliche. Possiede conoscenze sulle proprietà dei nutrienti contenuti negli alimenti e nei prodotti dietetici.
• Possiede nozioni di patologia generale e di immunopatologia. Ha conoscenza delle caratteristiche biologiche e patogeniche delle principali classi di microrganismi e virus.
• Conosce le fisiologia cellulare e la fisiologia degli organi e degli apparati del corpo umano.


AREA DI APPRENDIMENTO: DISCIPLINE CARATTERIZZANTI LA PROFESSIONE (CURRICULUM TECNICHE ERBORISTICHE)
Il laureato:
• E' in grado di riconoscere e catalogare le piante officinali. Ha inoltre conoscenze dei fattori che influenzano la produzione di principi attivi.
• Conosce le droghe vegetali in termini di contenuto dei principi attivi e della loro relativa attività farmacologia.
• Ha le conoscenze teoriche e sperimentali necessarie per la identificazione ed il controllo della composizione di principi attivi di origine vegetale.
• Possiede i concetti di base della chimica farmaceutica con particolare riguardo alle caratteristiche chimico fisiche dell'interazione biologica di fitocomplessi .
• Conosce gli elementi essenziali di farmacocinetica e farmacodinamica.
• Possiede le nozioni relative alla composizione di ecosistemi microbici associati a prodotti di origine vegetale.
• Conosce le basi per l'estrazione di principi attivi da tutte le possibili matrici vegetali, è in grado di selezionare l'estrazione in modo da ottenere l'arricchimento della classe di principi attivi di interesse e di valutare la qualità dei prodotti erboristici.
• Ha le conoscenze relative alle metodiche di formulazione, produzione ed utilizzazione di cosmetici da substrati vegetali. Conosce le norme che disciplinano la produzione e la vendita dei prodotti cosmetici.
• Conosce la normativa nazionale e comunitaria in materia di piante officinali e di prodotti fitoterapici. Conosce le principali metodiche che consentono la preparazione dei prodotti per uso erboristico o più in generale di formulazioni di interesse salutistico.

Attraverso l'inserimento in piano didattico di attività formative specialistiche dei settori AGR/01, AGR/02, BIO/15, approvate annualmente dal corso di studio, il laureato ha inoltre la possibilità di approfondire le conoscenze professionalizzanti nell'ambito della coltivazione, raccolta e prima trasformazione di piante officinali, del marketing di prodotti erboristici e della fitoterapia applicata al contesto di gestione di una erboristeria.

AREA DI APPRENDIMENTO: DISCIPLINE CARATTERIZZANTI LA PROFESSIONE (CURRICULUM TOSSICOLOGIA AMBIENTALE)
Il laureato:
• Possiede le conoscenze di base delle principali metodologie chimico-analitiche utilizzate nell'analisi di sostanza tossiche in matrici di interesse ambientale.
• Conosce la struttura, la reattività e l'origine delle principali classi di inquinanti ambientali di origine organica.
• Conosce le tecniche analitiche strumentali utili per l'analisi degli alimenti.
• Ha le conoscenze di base della reattività dei meccanismi d'azione e degli aspetti chimico-tossicologici di molecole dannose per la salute.
• Conosce i meccanismi coinvolti nell'azione terapeutica e nella tossicità..
• Possiede le conoscenze di base teoriche e pratiche per svolgere analisi di tipo chimico-tossicologico di inquinanti ambientali e di xenobiotici in fluidi biologici, in accordo alla normativa vigente.
• Possiede le conoscenze di base dei meccanismi di tossicità degli xenobiotici e conosce i principi della valutazione del rischio associato alla loro esposizione.
• Possiede le conoscenze di base per la determinazione degli aspetti tossicologici di xenobiotici, richiesti a fini registrativi e della valutazione del rischio espositivo.
• Conosce la disciplina nazionale e comunitaria in materia di tutela ambientale e salute dell'uomo. Ha conoscenza dei processi della produzione industriale, dagli aspetti organizzativi e normativi relativi all'analisi dei rischi industriali e ambientali.

Attraverso l'inserimento in piano didattico di attività formative specialistiche dei settori SECS-P/07, CHIM/02, CHIM/08, BIO/14, MED/42, approvate annualmente dal corso di studio, il laureato ha inoltre la possibilità di approfondire le conoscenze professionalizzanti nell'ambito della economia e del marketing, delle conoscenze chimico-fisiche per comprendere le cause dell'inquinamento e l'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, delle tecniche analitiche e trattamento di campioni con riferimento alle sostanze d'abuso, dell'inquinamento idrico, della metodologie epidemiologiche per interpretare e comprendere la letteratura scientifica.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: DISCIPLINE MATEMATICHE, FISICHE E INFORMATICHE
Il laureato:
• Sa utilizzare i più comuni strumenti informatici nell'organizzazione e gestione del suo lavoro ed è capace di consultare banche dati per reperire informazioni e documentazione scientifica e ampliare le sue conoscenze.
• Sa applicare le nozioni fondamentali di fisica per la comprensione di metodi e applicazioni in campo fisiologico, biologico e chimico. E' in grado di utilizzare gli strumenti tecnici matematici per l'apprendimento di alcune discipline del corso e per impostare e risolvere problemi connessi alla propria attività professionale.

Le conoscenze, capacità e abilità pratiche relative all'informatica sono conseguite e verificate con l'attività “Acquisizione di capacità informatiche ".

AREA DI APPRENDIMENTO: DISCIPLINE CHIMICHE
Il laureato:
• Conosce e comprende la natura chimica dei principali composti inorganici e organici.
• Mediante attività esercitazionali a posto singolo approfondisce, attraverso l'utilizzo delle principali tecniche analitiche, la comprensione delle nozioni teoriche apprese e acquisisce la manualità necessaria per potere operare in un laboratorio.


AREA DI APPRENDIMENTO: DISCIPLINE BIOLOGICHE E MORFOLOGICHE
Il laureato:
• Comprende i meccanismi biologici alla base della vita animale e vegetale, possiede un'approfondita conoscenza dei processi biochimici e fisologici fondamentali.
• Comprende i meccanismi fondamentali della patogenesi e le specifiche e aspecifiche risposte dell'organismo a stimoli lesivi di varia natura. E' in grado di individuare gli agenti eziologici responsabili di tossinfezioni e di contaminazioni di preparati erboristici.

AREA DI APPRENDIMENTO: DISCIPLINE CARATTERIZZANTI LA PROFESSIONE (CURRICULUM TECNICHE ERBORISTICHE)
Il laureato:
• In seguito alla frequenza di laboratori a posto singolo e' in grado di applicare tecniche strumentali e di laboratorio specifiche, finalizzate all'estrazione e all'analisi dei principi farmacologicamente attivi presenti nelle matrici vegetali.
• E' in grado di trasformare le materie prime di origine vegetale in prodotti commerciabili finiti, in forme idonee alla somministrazione.
• Comprende le norme che disciplinano la produzione e la vendita dei prodotti cosmetici ed erboristici.
• Possiede conoscenze tecniche, agronomiche, ambientali e applicative necessarie alla coltivazione, difesa, produzione e gestione delle piante officinali.
• Possiede competenze adeguate per redigere strategie di marketing e di progettare semplici indagini di mercato.


AREA DI APPRENDIMENTO: DISCIPLINE CARATTERIZZANTI LA PROFESSIONE (CURRICULUM TOSSICOLOGIA AMBIENTALE)
• E' in grado di comprendere i meccanismi d'azione a livello molecolare e gli aspetti chimico-tossicologici di inquinanti di interesse.
• Sa applicare i principali metodi di analisi chimiche e tossicologiche di sostanze inquinanti nell'ambiente e negli alimenti previsti dalla normativa vigente.
• Sa applicare le tecniche più opportune in relazione alle differenti problematiche inerenti l'analisi di inquinanti nell'ambiente e negli alimenti e di xenobiotici in fluidi biologici.
• Grazie all'attività esercitazionale a posto singolo è in grado di condurre test in vitro per la valutazione dei meccanismi di tossicità a livello cellulare e molecolare.]
• Comprende le normative italiane e comunitarie vigenti in tema di tutela ambientale e salute dell'uomo.
• E' in grado di svolgere ruoli tecnici o professionali nei diversi ambiti di applicazione della tossicologia dell'ambiente e degli alimenti, utilizzando anche strumenti informatici e statici che gli consentano il monitoraggio di inquinanti chimici e microbiologici nelle acque, nel suolo, nell'aria e negli alimenti.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato:
- E' in grado di effettuare controlli di qualità e di valutare e interpretare criticamente i dati sperimentali.
- E' in grado di valutare la qualità dei prodotti erboristici e possiede competenze trasversali per valutare l'analisi rischio/beneficio nell'intero percorso di produzione dei prodotti erboristici (curriculum tecniche erboristiche).
- Ha consapevolezza della valutazione del rischio ambientale, dei composti tossici e/o dei loro effetti sulle matrici ambientali/alimentari, delle interazioni fra gli stessi nonché degli aspetti legati alla sicurezza ed alle problematiche ambientali relative ai vari comparti (aria, acqua, suolo, alimenti) (curriculum tossicologia ambientale).
- E' in grado di organizzare e pianificare le attività, individuando autonomamente gli strumenti e metodi di indagine appropriati, ed è in grado di generare nuove proposte o di risolvere problemi.
- E' in grado di lavorare in autonomia, formulare giudizi autonomi e prendere decisioni autonome.

Tali capacità vengono acquisite nelle attività formative elencate nell'area Discipline caratterizzanti la professione, sia mediante la frequenza di lezioni frontali che di corsi esercitazionali. Naturalmente la realizzazione degli obiettivi di questi insegnamenti si raggiunge in seguito ad acquisizione delle nozioni fornite dalle discipline elencate nelle prime tre aree (Discipline matematiche, fisiche, informatiche, Discipline chimiche, Discipline morfologiche e biologiche).
L'autonomia di giudizio viene sviluppata in particolare tramite esercitazioni, seminari organizzati, preparazione di elaborati, soprattutto negli ambiti connessi alla valutazione e certificazione della qualità, inoltre in occasione dell'attività di stage e tirocinio e tramite l'attività assegnata dal docente relatore per la preparazione della prova finale.
La verifica dell'acquisizione dell'autonomia di giudizio avviene tramite la valutazione delle relazioni di laboratorio, la valutazione del grado di autonomia e capacità di lavorare, anche in gruppo, durante l'attività assegnata in preparazione della prova finale, nonché del tirocinio.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato:
- Possiede una conoscenza delle lingua inglese adeguata per la consultazione di testi e riviste scientifiche in ambito sanitario, avendo acquisito conoscenze di lingua inglese (livello di conoscenza B1 del quadro di riferimento europeo.
- Possiede capacità relazionali e di comunicazione per lo svolgimento della professione, in particolare nei rapporti con il personale sanitario e con il pubblico.
- Ha capacità di affiancare altri professionisti nella elaborazione e realizzazione di piani e procedure per la gestione delle problematiche della sicurezza e della qualità, secondo le normative specifiche.
- Possiede spirito di iniziativa e imprenditorialità che lo rendono in grado di lavorare in gruppo.
Le abilità comunicative scritte ed orali sono particolarmente sviluppate in occasione di seminari, esercitazioni e tirocinio, che prevedono anche la preparazione di relazioni e documenti scritti e l'esposizione orale dei medesimi. L'acquisizione e la valutazione del conseguimento delle abilità comunicative sopraelencate sono previste inoltre tramite la redazione della prova finale e la discussione della medesima. La lingua inglese (livello B1) viene appresa e verificata tramite seminari ed attività formativa in e-learning e le relative prove di verifica.
Possono essere previste sia l'acquisizione delle quattro abilità linguistiche (lettura, scrittura, ascolto, e dialogo) sia la frequenza vincolata delle lezioni, secondo criteri che verranno specificati in itinere dal corso di studi, in coerenza alle prescrizioni degli Organi accademici.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato:
-Ha la capacità di aggiornare autonomamente e in maniera guidata le proprie conoscenze, rispetto alle innovazioni di carattere tecnico-scientifico e metodologico, in particolare per le discipline professionalizzanti.
- E' in grado di capire e di aggiornarsi sulle normative nazionali e comunitarie di specifici settori professionali quali il settore della distribuzione intermedia e dispensazione al pubblico dei prodotti a valenza sanitaria, il settore della legislazione erboristica, o il settore della sicurezza chimica e della tutela ambientale.
- È in grado di effettuare operazioni di analisi e sintesi e possiede capacità di apprendimento teorico.

Le capacità di apprendimento sono conseguite nel percorso di studio nel suo complesso, con riguardo in particolare agli insegnamenti ed allo studio individuale previsto in ambito giuridico-normativo, relativo alla consultazione di banche dati disciplinari.
La capacità di apprendimento viene inoltre valutata attraverso forme di verifica continue durante le attività formative, in quanto viene richiesta la presentazione di dati reperiti autonomamente e ancora mediante l'attività di tutorato nello svolgimento di progetti e mediante la valutazione della capacità di auto-apprendimento maturata durante lo svolgimento dell'attività relativa alla prova finale.

Insegnamenti

Gli insegnamenti sono articolati a seconda del curriculum scelto

Curricula dettagliati

Il corso è articolato nei seguenti percorsi: TECNICHE ERBORISTICHE, TOSSICOLOGIA AMBIENTALE.

Attività tirocinio

Il tirocinio consiste nella partecipazione dello studente all'attività della struttura ospitante in rapporto al programma del tirocinio stesso finalizzato al completamento del percorso formativo e alla conoscenza diretta del mondo del lavoro.
Il tirocinio è previsto dall'Ordinamento e dal Regolamento Didattico del Corso di Studio (DM 270/2004) e può essere svolto presso strutture interne all'Ateneo o extra-universitarie.


Ufficio tirocini della Scuola di Farmacia, Biotecnologie e Scienze Motorie (Sede di Bologna)

Mobilità internazionale

Per periodi di formazione all'estero e mobilità internazionale degli studenti il corso di studio si avvale della collaborazione della USD dell'area scientifica e dei referenti di vari progetti Erasmus della Scuola stessa.
Per maggiori informazioni: La dimensione internazionale della Scuola

Prova finale

Modalità di svolgimento della prova finale
La prova finale prevede la compilazione e la discussione di un elaborato scritto su argomento coerente con gli obiettivi formativi del corso di studio o su argomenti inerenti l'attività svolta durante il Tirocinio curriculare. Lo studente svolge il proprio lavoro sotto la guida di un docente, che vigila e supporta l'attività dello studente e verifica l'adeguatezza dell'elaborato per l'ammissione alla discussione.

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di secondo ciclo (laurea magistrale) e master universitario di primo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Tecnico erborista

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il Tecnico erborista sarà in grado di operare a livello specialistico nei settori della coltivazione, trasformazione, formulazione, confezionamento, commercializzazione e controllo dei prodotti per la salute a base di piante officinali, garantendone la sicurezza d’uso a tutela della salute del consumatore.
In particolare la figura professionale formata sarà in grado di svolgere le seguenti funzioni:

1. Riconosce le piante officinali ed è in grado di controllare le tecniche di coltivazione e produzione delle stesse.
2. Svolge attività di coltivazione delle piante ad attività salutistica e di produzione di preparati erboristici.
3. Organizza specifiche attività di laboratorio dove vengono applicate metodiche estrattive, analitiche, tecnologiche, microbiologiche previste dalle normative vigenti.
4. Formula, produce e controlla i prodotti erboristici e fitocosmetici.
5. Svolge attività di tutela della flora relativa alle piante officinali spontanee e di controllo della loro raccolta presso amministrazioni dello Stato, delle regioni e delle Province.
6. Svolge attività di informazione sanitaria circa efficacia, controindicazioni, modi di impiego ed ogni altra indicazione relativa a prodotti per la salute a base vegetale.
7. Esegue controlli di qualità sui prodotti erboristici secondo gli standard di certificazione di sistemi di qualità.
8. Redige piani autocontrollo HACCP e rintracciabilità degli alimenti per esercizi commerciali ed aziende di produzione.
9. Predispone materiale informativo/divulgativo che accompagna i prodotti erboristici; fornisce informazioni circa contenuto, conservazione, modalità e tempi di utilizzo, finalità e attività dei prodotti erboristici.
10. Fornisce consulenza tecnico-scientifica inerente la vigilanza igienico-sanitaria delle piante officinali e dei derivati presso le Amministrazioni dello Stato, in particolare nei Ministeri della Sanità, delle Risorse Alimentari e Forestali, dell'Industria Commercio ed artigianato e delle Finanze.


COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento di ciascuna delle funzioni sopra descritte sono richieste le seguenti competenze:

1. Competenze agronomiche, biologiche vegetali, botaniche, fitochimiche.
2. Competenze agronomiche, botaniche, fitochimiche, microbiologiche, analitiche utili ad effettuare il controllo delle piante officinali dalla produzione al post raccolta.
3. Conoscenza delle tecniche di laboratorio chimico-analitiche, microbiologiche, estrattive e tecnologiche. Competenze nell’ambito della normativa che regola i prodotti erboristici.
4. Competenze chimico-analitiche e microbiologiche per il controllo della qualità delle piante officinali. Competenze fitochimiche e farmacologiche relative ai principi attivi contenuti in preparati erboristici. Competenze tecnologiche e fitocosmetiche relative alla formulazione dei preparati a base di piante officinali.
5. Competenze biologiche vegetali, botaniche e fitochimiche. Conoscenza della normativa che regola la raccolta della flora spontanea, oltre che di quella relativa alle piante officinali.
6. Competenze botaniche, fitochimiche, farmacologiche e tecnologiche relativamente alle piante officinali e ai relativi preparati. Competenze delle normativa che regola i preparati erboristici . Capacità di reperire, approfondire e gestire informazioni scientifiche nel campo delle piante officinali e dei loro prodotti. Capacità di informazione e comunicazione in relazione alla funzione specifica.
7. Conoscenza delle tecniche di laboratorio chimico-analitiche e microbiologiche utili ad effettuare il controllo di qualità dei preparati erboristici. Competenze nell’ambito della normativa che regola i prodotti erboristici.
8. Conoscenza delle tecniche di laboratorio chimico-analitiche e microbiologiche utili a predisporre piani di autocontrollo HACCP. Conoscenza della normativa che regola tale attività.
9. Competenze fitochimiche, farmacologiche e tecnologiche relativamente alle piante officinali e ai relativi preparati. Capacità di reperire, approfondire e gestire informazioni scientifiche nel campo delle piante officinali e dei lori prodotti. Competenze relative al marketing e commercializzazione delle piante officinali.
10. Competenze microbiologiche, fitochimiche, farmacologiche e tecnologici relativamente alle piante officinali e ai loro preparati. Conoscenza delle tecniche di laboratorio chimico-analitiche e microbiologiche utili a predisporre protocolli per il controllo della qualità dei preparati. Conoscenza della normativa.

Per lo svolgimento delle funzioni sono richieste inoltre adeguate competenze trasversali di tipo comunicativo-relazionale e organizzativo-gestionale, oltre alla capacità di trasmettere e divulgare l'informazione su temi d'attualità di area erboristica e salutistica.


SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Il Tecnico erborista sarà in grado di operare come libero professionista o lavoratore dipendente in:

• Erboristerie.
• Farmacie e Parafarmacie (come responsabile del reparto erboristico e fitocosmetico).
• Punti di vendita di prodotti per la salute a base vegetale
• Industrie del settore erboristico, fitocosmetico e dietetico-alimentare (aziende di produzione o commercializzazione).
• Laboratori, Enti o Organismi di controllo/certificazione di qualità di prodotti erboristici
• Attività di informazione scientifica per conto di aziende produttrici nell'ambito del settore.
• Attività di consulenza presso laboratori erboristici ed aziende di produzione o di commercializzazione riguardo alle notifiche degli integratori alimentari a base vegetale.
• Settori per la promozione e pubblicizzazione dei prodotti a base di piante officinali e aromatiche.
• Strutture del Servizio Sanitario Nazionale.



PROFILO PROFESSIONALE:
Tossicologo dell’ambiente

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il Tossicologo dell’ambiente sarà in grado di operare in laboratori pubblici e privati svolgendo attività di controllo biologico, chimico, microbiologico e tossicologico; sarà inoltre in grado di procedere alla valutazione del rischio associato alla presenza di sostanze tossiche nell’ambiente e negli alimenti a tutela della salute della popolazione e contribuire a pianificare interventi di prevenzione
In particolare la figura professionale formata sarà in grado di svolgere le seguenti funzioni

1. Svolge attività di controllo analitico, biochimico, microbiologico e tossicologico al fine di garantire la sicurezza dell'ambiente (aria, acqua, suolo) e la qualità degli alimenti.
2. Acquisisce ed interpreta criticamente la documentazione scientifica ai fini della valutazione del rischio per l'uomo associato alla presenza di sostanze tossiche negli alimenti e nell'ambiente in accordo alle normative vigenti in tema di sicurezza d’uso delle sostanze chimiche (esempio normativa europea REACH).
3. Collabora alla definizione di piani e procedure per la gestione della sicurezza e della salute, per il monitoraggio della qualità ambientale e alimentare , secondo le normative specifiche.


COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento di ciascuna delle funzioni sopra descritte sono richieste le seguenti competenze:

1. Conoscenza delle tecniche di laboratorio chimico-analitiche, microbiologiche, biologiche e tossicologiche. Competenze nell’ambito della normativa vigente, con particolare riguardo alla normativa europea REACH relativa alla classificazione di sostanze pericolose per la salute.
2. Competenze chimiche, biochimiche, tossicologiche. Conoscenza delle tecniche sperimentali utili alla valutazione della tossicità. Conoscenza delle normative vigenti. Capacità di reperire, approfondire e gestire documentazioni scientifiche specifiche del settore di competenza.
3. Competenze chimico-analitico-tossicologiche. Conoscenza delle normative vigenti. Conoscenza delle relazioni tra aspetti tossicologici e inquinamento chimico e biologico dell’ambiente e degli alimenti

Per lo svolgimento delle funzioni sono richieste, oltre a capacità di auto-apprendimento e di aggiornamento continuo utili per la gestione e la comunicazione dell’informazione in ambito tossicologico, adeguate competenze trasversali di tipo organizzativo-gestionale e di programmazione , in accordo con il livello di autonomia e responsabilità assegnato.


SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Il Tossicologo dell’ambiente sarà in grado di operare come libero professionista o lavoratore dipendente in:
• Laboratori pubblici e privati di analisi chimiche, microbiologiche, tossicologiche, ambientali e alimentari.
• Centri di controllo e monitoraggio di sostanze inquinanti nell’ambiente (aria, acque, suolo) e di contaminanti negli alimenti all'interno di aziende pubbliche e private.
• Centri di studio ed enti preposti all'elaborazione di normative tecniche e/o alla certificazione di qualità.
• Industrie chimiche, farmaceutiche, alimentari e cosmetiche ed industrie ad esse collegate.
• Università e altri enti di ricerca pubblici e privati.



Parere delle parti sociali


ORGANO O SOGGETTO ACCADEMICO CHE EFFETTUA LA CONSULTAZIONE
-Nel novembre 2013 il Coordinatore di corso di studio Prof. Ferruccio Poli e il gruppo Quality assurance del corso di studio Prof.ssa Patrizia Hrelia e Dott.ssa Susanna Guernelli hanno avviato un nuovo aggiornamento della consultazione delle parti sociali.

-Precedentemente, con lettera del Preside della Facoltà del 7.02.2011, era stato comunicato alle parti sociali che il corso, riordinato in adeguamento al DM 17/2010, è rivolto alla formazione di professionisti che operano negli ambiti occupazionali dell'erboristeria e della tossicologia e sicurezza ambientale e non più alla figura professionale di informatore scientifico sul farmaco.
Contestualmente è stata avviata un aggiornamento delle consultazione delle parti sociali che operano nel settore erboristico e della tossicologia ambientale.

-La prima consultazione (ai sensi art. 11 DM 270/04), effettuata nel corso del 2007, è stata svolta dai Presidenti dei seguenti Corsi di Laurea referenti per la Quality assurance dei corsi stessi:
Tecniche Erboristiche, Prof. Vittorio Zecchi,
Informatore Scientifico del Farmaco Prof. Giorgio Gallinella e
Tossicologia dell'Ambiente Prof.ssa Patrizia Hrelia.


ORGANIZZAZIONI CONSULTATE O DIRETTAMENTE O TRAMITE DOCUMENTI E STUDI DI SETTORE
Le parti a cui è stata proposta la consultazione nel 2013 e che hanno fornito un riscontro sono:
- Gauber srl (Responsabile Ufficio regolatorio)
- Assoerbe-SISTE (Presidente)
- Federazione Erboristi Italiani-F.E.I. (Presidente Nazionale)
- Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia (Direttore)
-Assoerbe (Presidente)
-Federimpresa Erbe (Presidente)
-BIOKOS ambiente s.r.l. (Presidente)
-SITOX Società italiana di tossicologia (Presidente)
-Fondazione centro ricerche marine (Direttore e responsabile settore chimico).

Le parti consultate nel 2011 sono state:
- Gauber srl (Responsabile Ufficio regolatorio)
- Assoerbe-SISTE (Presedente)
- Enea (Responsabile laboratorio)
- SICC Società Italiana di Chimica e Scienze Cosmetologiche (Presidente)
- Federazione Erboristi Italiani-F.E.I. (Presedente Nazionale)
- Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia (Direttore).

Le parti consultate nel 2007 sono state:
- Ordine dei Farmacisti della Provincia di Bologna (Responsabile della Segreteria);
- Alfa Wassermann Farmaceutici (Direttore scientifico)
- AUSL città di Bologna Dipartimento Assistenza farmaceutica (Dirigente)
- CEVEAS Centro per la valutazione dell'efficacia e dell'assistenza sanitaria (Dirigente)
- ELi Lilly Italia (Senior Manager)
- Istituto ortopedico Rizzoli (Farmacista Dirigente)
- MarvecsPharma Services (Regional Affair Manager)
- Agenzia Itaiana del farmaco Chiesi Farmaceutici (Direttore Operazioni industriali)
- Janssen-Cilag SpA (Clinical trials supervisor)
- Farmaindustria (Presidente)
- AstraZeneca S.p.A. (VP Medical)
- SICC Società Italiana di Chimica e Scienze Cosmetologiche (Presidente)
- Ascor Chimici srl (Responsabile)
- Enea (Responsabile Laboratorio)
- SISTE (Segretario generale).



MODALITA' E CADENZA DI STUDI E CONSULTAZIONI
-Nel 2013, il corso di studio in Scienze farmaceutiche applicate, conferma sostanzialmente il percorso formativo, che prevede l’inserendo nel piano didattico di un certo numero di corsi a scelta molto specifici e professionalizzanti svolti da addetti del settore o professionisti di aziende del territorio. Ritiene comunque utile una revisione/aggiornamento della consultazione, nell’ottica di promuovere un sistema continuo di monitoraggio basato sui feedback da parte dei rappresentati del mondo del lavoro, così da intercettare possibili cambiamenti nella domanda di competenze richieste dal mercato del lavoro e delle professioni e facilitare l’allineamento tra domanda di formazione e i risultati di apprendimento che il corso di studio si prefigge.
La consultazione si è conclusa e si sono valutate nell’insieme le indicazioni emergenti dalle risposte ai questionari. Complessivamente emerge che le figure professionali e le attività lavorative rispondono alle esigenze delle Organizzazioni consultate; i risultati di apprendimento che il corso si propone sono rispondenti al percorso formativo offerto e alle competenze di ciascuna figura professionale. Per la figura del tossicologo dell’ambiente vengono suggeriti una trattazione prevalentemente indirizzata agli inquinanti di tipo ambientale e un maggior approfondimento di argomenti legati ai rischi anche nell’ambiente di lavoro, così da formare consulenti in grado di gestire per le aziende anche gli aspetti legati alla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, oltre all’acquisizione di conoscenze di ecotossicologia. Per il tecnico erborista si suggerisce di implementare le conoscenze nell’ambito Regolatorio, nonché delle tecniche di formulazione e controllo di prodotti, nozioni utili all’erborista che intenda allestire laboratori all’interno del punto vendita.
Sono emersi punti interessanti per una ridenominazione del Corso che espliciti meglio le finalità del corso stesso, anche se la denominazione Scienze farmaceutiche applicate era stata a suo tempo consigliata dal CUN.

-Nel 2011 in occasione della revisione dell’Ordinamento, nata dall’esigenza di adeguamento al DM 270/2010, al fine di definire una offerta formativa sostenibile e coerente con le prospettive occupazionali dei laureati, si è proceduto alla disattivazione del curriculum Informazione sul farmaco, lasciando sostanzialmente inalterati i percorsi formativi per gli indirizzi Tecniche erboristiche e Tossicologia ambientale e chiedendo un riscontro, sempre attraverso lo strumento del questionario sul progetto formativo, alle parti che operavano in tali settori. Il corso di studio ha accolto i suggerimenti delle parti sociali, adeguando gli obiettivi formativi di alcune discipline e prevedendo l’inserimento di insegnamenti caratterizzanti per i settori professionali dell’area erboristica e della tossicologia e sicurezza ambientale, svolti da addetti del settore o professionisti di aziende del territorio.

-La prima consultazione è stata effettuata nel 2007, in occasione della formulazione degli ordinamenti ai sensi del DM 270/04, inviando questionari a aziende e associazioni rappresentative attraverso i quali era stato proposto alle parti consultate un confronto sugli sbocchi occupazionali, i fabbisogni formativi e gli obiettivi formativi previsti in un primo schema di progettazione oltre a una breve illustrazione del quadro generale delle attività formative con riferimento ai settori scientifico disciplinari nel loro complesso e in particolare a quelli che maggiormente caratterizzano il Corso, oltre alle caratteristiche della prova finale per il conseguimento del titolo di studio. Gli esiti della consultazione sono stati presi in esame in maniera unitaria dai presidenti di corso di studio il giorno 23/10/2007 ed erano già stati valutati singolarmente dai singoli Consigli di Corso di Studi nelle sedute che si sono tenute in data 23 ottobre 2007. Le principali osservazioni emerse dalle risposte ai questionari riscontravano che la preparazione di base dei neolaureati risulta sempre meno robusta e sarebbe stato opportuno aggiungere una preparazione ed una formazione specialistica più mirata agli strumenti, alle apparecchiature tecnologiche presenti nelle Aziende. Le osservazioni emerse dalla consultazione delle parti sociali sono state recepite nella progettazione dei diversi percorsi formativi. La Facoltà di Farmacia, infatti, nel rispetto delle indicazioni fornite dall'Ateneo in merito ai requisiti minimi previsti per l'istituzione di corsi di studio, ha ritenuto di procedere alla modifica del Corso di Tecniche Erboristiche considerando anche le specificità dei corsi di laurea triennali Informazione Scientifica sul farmaco, e Tossicologia dell'Ambiente, che sono stati disattivati. Con delibera del 19 dicembre 2007 è stata approvata l’istituzione di un unico corso di laurea con sede Imola, denominato "Scienze del farmaco, erboristiche e tossicologico ambientali" che prevedeva tre curricula volti alla formazione delle figure di informatore scientifico, erborista, tossicologo ambientale. A seguito dei rilievi del CUN, il consiglio di Facoltà ha deliberato in data 9 aprile 2008 la modificata della denominazione del corso in "Scienze Farmaceutiche applicate".


DOCUMENTAZIONE
I questionari ricevuti sono archiviati presso la Scuola di Farmacia, Biotecnologie e Scienze motorie, Vicepresidenza di Bologna.

Manager didattico