Laurea Magistrale in Wellness culture: sport, health and tourism

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2017/2018
Ordinamento D.M. 270
Codice 9227
Classe di corso LM-47 - ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI PER LO SPORT E LE ATTIVITA' MOTORIE
Anni Attivi I anno
Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Tipo di accesso Corso a libero accesso con verifica dell'adeguatezza della personale preparazione
Curricula

Non sono previsti curricula.

Sede didattica Rimini
Tipologia Corso interamente internazionale
Coordinatore del corso Claudio Stefanelli
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Inglese

Requisiti di accesso e verifica delle conoscenze/preparazione

Per essere ammessi al corso di laurea magistrale in "Wellness culture: sport, health and tourism" occorre essere in possesso di una laurea o del diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo.
Occorre, altresì, il possesso di requisiti curriculari e il superamento di una verifica dell'adeguatezza della personale preparazione.

Sono richiesti i seguenti requisiti curriculari:

1. Avere conseguito la Laurea in una delle seguenti classi:

Ex D.M. 270:
L-22 (Scienze delle attività motorie e sportive), L- 18 (Scienze dell'economia e della gestione aziendale), L-33 (Scienze economiche), L-24 (Scienze e tecniche psicologiche), L-40 (Sociologia), L-19 (Scienze dell'educazione e della formazione), L/SNT4 (Professioni sanitarie della prevenzione), L-3 (Discipline delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda).

Ex D.M. 509/99:
33 (Scienze delle attività motorie e sportive), 17 (Scienze dell'economia e della gestione aziendale), 28 (Scienze economiche), 34 (Scienze e tecniche psicologiche), 36 (Scienze sociologiche), 18 (Scienze dell'educazione e della formazione), SNT/04 (Scienze delle professioni sanitarie della prevenzione), 23 (Scienze e tecnologie delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda.

Diploma ISEF.

Lauree del previgente ordinamento riconosciute idonee dal Consiglio di Corso di Studio.

Oppure:

2. Essere in possesso di una laurea appartenente ad una classe differente da quelle indicate che consentano il riconoscimento di almeno 60 crediti formativi universitari nei settori scientifico disciplinari inerenti alle attività formative indispensabili della Classe L-22 Scienze delle attività motorie e sportive e individuati dal D.M. 16 Marzo 2007 determinante le classi delle lauree universitarie.
Al riconoscimento dei crediti formativi universitari richiesti per l'accesso procede un'apposita Commissione, nominata dal Consiglio di Corso di Studio, su specifica domanda del candidato.

Verifica dell'adeguatezza della personale preparazione
L'ammissione al corso di laurea è subordinata al superamento di una verifica dell'adeguatezza della personale preparazione che avverrà secondo le modalità definite nel punto modalità di ammissione.

Verrà, altresì, verificato il possesso di adeguate competenze linguistiche nella lingua inglese di livello B2.

Maggiori dettagli nel Regolamento del Corso di Studio

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il corso di laurea magistrale in Wellness culture: sport, health and tourism intende preparare ad una professionalità di alto profilo declinabile su una gamma di competenze trasversali come sono quelle che riguardano gli ambiti connessi agli "stili di vita" e al benessere psicofisico della persona. Si tratta di un campo di intervento volto alla ideazione e gestione di eventi e programmi di attività da parte di enti pubblici e privati orientati alla promozione della "Qualità della vita" e all'empowerment del soggetto (con particolare attenzione all'età dello sviluppo e all'età anziana). I campi di intervento riguardano principalmente: l'attività fisica e sportiva, il turismo, il termalismo, la valorizzazione e la sinergia di risorse del territorio e della sua cultura materiale e immateriale. Gli ambiti occupazionali del laureato magistrale possono interessare gli enti preposti sia alla promozione del turismo di qualità: scolastico, sportivo, culturale; sia al mantenimento e miglioramento della salute.
Il percorso formativo si sviluppa con una progressione che vede il primo anno orientato nel dare allo studente i riferimenti scientifici fondamentali per elaborare il significato di "Cultura del Wellness", nella sua irriducibile complessità e globalità. Tali saperi sono essenziali a far cogliere da una parte il quadro ampio dei campi d'intervento, le loro problematicità e le potenzialità progettuali che essi aprono; dall'altra le responsabilità che essi comportano. Successivamente la formazione intende indirizzare lo studente verso "scelte di campo" che, senza perdere la visione d'insieme che caratterizza il tema del Wellness, lo porti a declinarlo su contenuti specifici di progettazione e di intervento. La professionalità così formata sarà capace di integrare sul piano della ideazione, programmazione e gestione, ambiti diversi orientati al comune obbiettivo della "Qualità della vita". Obiettivo per sua natura inclusivo di interventi che attengono allo sport e più in generale all'attività fisica e alla salute, al turismo e alla cultura, all'educazione e alla valorizzazione dell'ambiente.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE (KNOWLEDGE AND UNDERSTANDING)

Il laureato magistrale acquisisce al termine del corso:
- conoscenze scientifico-culturali nel campo sia delle scienze biomediche e della salute, sia delle scienze umane e sociali, tutte orientate sui temi del benessere e della qualità della vita;
- una visione olistica e sistemica sulla promozione del benessere della persona, senza perciò escludere l'approfondimento di specifici campi di interesse scientifico-culturale;
- conoscenze inerenti campi d'azione su cui può applicare i saperi acquisiti e le normative che li regolano.
Le modalità didattiche sono sia quelle tradizionali accademiche, sia quelle più attive che prevedono il coinvolgimento dello studente, singolarmente o in gruppo, su approfondimenti tematici, esercitazioni, seminari, simulazioni.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE (APPLYING KNOWLEDGE AND UNDERSTANDING)

Al termine del corso il laureato magistrale è in grado di:
- applicare i saperi acquisiti ai campi di intervento per la promozione del benessere e della salute: dall'ambito delle attività motorie e sportive al turismo, dai contesti educativi a quelli culturali del territorio, dalle aziende che promuovono il Wellness alle terme;
- sviluppare analisi delle criticità, dei bisogni e delle risorse di un territorio dal punto di vista di indicatori della qualità della vita;
- gestire i rapporti fra soggetti pubblici e privati in ordine a proposte che creano sinergie fra enti diversi;
- elaborare, proporre e gestire progetti sostenibili, nel rispetto delle normative, per iniziative tese a promuovere l'empowerment della persona sui temi della qualità della vita;
- valutare la qualità degli interventi sulla base di appositi strumenti.
Tutti i saperi concorrono, sulla base dell'impianto multidisciplinare orientato del corso, a dare al laureato magistrale le conoscenze essenziali perché lui possa declinarle in termini di professionalità. In particolare le attività seminariali avranno il compito di fornire quadri di riferimento, esempi concreti in cui i saperi entrano in rapporto con specifici temi e problemi, prospettando linee di intervento.
La verifica sulle attività formative avverrà sia attraverso le tradizionali modalità universitarie tese in particolare all'accertamento dei contenuti disciplinari, sia attraverso modalità attive (relazioni, workshop, simulazioni). In questo caso, soprattutto nel secondo anno di corso, mettendo lo studente in condizione di svolgere approfondimenti ed elaborazioni personali di tipo critico su determinati contenuti, di elaborare propri progetti e discuterli all'interno di contesti didattici di insegnamento tematicamente coerenti.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato magistrale:
- valuta la qualità e l’innovazione di iniziative e servizi per le attività motorie e sportive, turistiche e culturali, del benessere psicofisico, a livello locale, nazionale e internazionale, al fine di progettare proprie strategie di intervento;
- valuta l'offerta di prodotti e servizi in ambito turistico, culturale, sportivo e del tempo libero in relazione alla domanda;
- valuta le strategie comunicative più adeguate nei rapporti con gli utenti, con i propri collaboratori e con i soggetti istituzionali.
- è in grado di svolgere valutazioni formative e sommative sui processi che mette in atto.
L'autonomia di giudizio viene sviluppata in particolare tramite seminari organizzati, preparazione di elaborati nell'ambito dei diversi insegnamenti previsti dal Corso di studio e tramite l'attività concordata col docente per la preparazione della prova finale. Alla verifica dell'acquisizione dell'autonomia di giudizio si affianca quella relativa alla capacità di lavorare individualmente e in gruppo, durante la partecipazione ad attività seminariali, esercitazioni assegnate dai docenti, workshop.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato magistrale:
- possiede le competenze relazionali che gli consentono di svolgere un efficace lavoro in team, necessario al buon coordinamento delle attività di progettazione;
- mette in atto capacità dialogiche, di ascolto e di osservazione, tali da consentire una progettazione di interventi che tenga conto delle persone a cui si rivolge come interlocutori attivi;
- sviluppa la comunicazione con i media tradizionali e digitali atta a diffondere in maniera efficace informazione e promozione delle attività;
L'acquisizione delle abilità relazionali e comunicative viene esercitata e verificata nel corso di studi attraverso l’uso di elaborati scritti o multimediali, nelle forme di partecipazione attiva a gruppi di lavoro e seminari, simulazioni.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato magistrale:
- applica i saperi, i metodi e gli strumenti appresi, al fine sia di approfondire i contenuti studiati maturando orientamenti e scelte specifiche, sia di utilizzarli in contesti professionali, sia infine, per intraprendere studi successivi;
- aggiorna e amplia autonomamente le proprie conoscenze in funzione dello specifico impiego e della normativa di settore.
Le capacità di apprendimento sono conseguite attraverso il percorso di studio nel suo complesso, con riguardo particolare a tutte le attività che rispondono a scelte personali e coerenti con l'impianto formativo del curriculum, favorendo esperienze internazionali, progetti individuali e di gruppo nonché lo svolgimento della prova finale.
La capacità di apprendimento è verificata:
- in maniera continua durante le attività formative;
- attraverso la valutazione delle capacità personali in merito ai contenuti oggetto di studio, alla partecipazione attiva ad iniziative didattiche (in particolare seminari, workshop), alla iniziativa personale e di gruppo di approfondimento, critica, progettazione su specifici temi inerenti il corso e il profilo professionale;
- nell'attività relativa alla prova finale.

Insegnamenti

Consulta gli insegnamenti all'interno del piano didattico Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso

Curricula dettagliati

Non sono previsti curricula.


Attività tirocinio

Il Corso di Studio, su richiesta dello studente, può consentire, con le procedure stabilite dal Regolamento generale di Ateneo per lo svolgimento dei tirocini o dai programmi internazionali dimobilità per tirocinio, e in conformità alle norme comunitarie, lo svolgimento di un tirocinio finalizzato alla preparazione della prova finale/tesi di laureao comunque collegato ad un progetto formativo mirato ad affinare il suo processo di apprendimento e formazione.

Tali esperienze formative della durata massima di 12 mesi, che dovranno concludersi entro la data del conseguimento del titolo di studio, potranno essere svolte prevedendo l'attribuzione di crediti formativi, nell'ambito di quelli attribuiti al progetto e alla prova finale.

Ufficio Tirocini

Mobilità internazionale

Per periodi di formazione all'estero e mobilità internazionale degli studenti il corso di studio si avvale della collaborazione della USD dell'area scientifica e dei referenti di vari progetti Erasmus della Scuola stessa.
Per maggiori informazioni: http://www.farbiomot.unibo.it/it/la-dimensione-internazionale-della-scuola

Prova finale

La prova finale per il conseguimento della laurea magistrale consiste nella redazione e nella discussione pubblica di una tesi in lingua inglese, corredata di un sommario in lingua inglese, elaborata in modo originale dallo studente su un argomento coerente con gli obiettivi del corso di studio, sotto la guida di un relatore.
La Commissione per la prova finale verifica l'originalità del lavoro, la capacità del laureando di saper condurre un lavoro in modo autonomo, di esporlo e discuterlo con chiarezza e padronanza dei risultati.
La prova finale può essere collegata a un progetto o a un'attività di tirocinio.

Maggiori dettagli nel Regolamento del Corso di Studio

Accesso a ulteriori studi

Il Corso dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e scuola di specializzazione) e master universitario di II livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Professionista nella pianificazione e gestione delle attività per la cultura del benessere e della salute

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il professionista promuove ed organizza attività ed eventi sia all'interno di enti e servizi pubblici o privati, sia come libero professionista, orientati a promuovere iniziative ed eventi il cui denominatore comune sia quello della promozione di cultura e buone pratiche orientate al miglioramento della qualità della vita, del benessere della persona e della comunità, della prevenzione nel campo della salute. Per svolgere i suoi compiti, in un campo caratterizzato dalla molteplicità di soggetti/enti interessati a specifici ambiti di intervento sul wellness, il professionista dovrà collaborare con figure responsabili, a seconda della tipologia e dei destinatari del progetto, nei campi della salute, dello sport, della cultura, dell'educazione, e del turismo. Il suo ruolo di coordinamento di un determinato progetto dovrà caratterizzarsi nella capacità di valorizzare le competenze specifiche degli "attori" coinvolti e di costruire lavoro di squadra.
In particolare:
- svolge funzioni di programmazione e coordinamento nell'ambito di organizzazioni profit e non-profit che operano nei settori delle attività sportive, ricreative e turistiche, nel tempo ordinario e nel tempo di vacanza;
- organizza e gestisce eventi culturali, turistici e sportivi in un'ottica di economia sostenibile, di sinergia con diversi soggetti del territorio;
- svolge attività di progettazione e consulenza presso aziende che forniscono strumenti, beni e servizi per il benessere, lo sport, la promozione del turismo;
- sviluppa programmi e campagne di informazione e comunicazione tesi a valorizzare e promuovere risorse del territorio nei vari settori connessi al wellness, in ambito culturale e ambientale;
- promuove, in collaborazione con i diversi ordini di scuola, attività didattiche ed iniziative per lo sviluppo della cultura della salute, dei corretti stili di vita, della prevenzione, per lo sport giovanile, per il turismo educativo e per la cittadinanza attiva;
- svolge attività di organizzazione e valorizzazione del turismo termale, attraverso l'ideazione e la progettazione di iniziative che promuovono il benessere della persona e la cura di sé.
Nel procedere della sua attività lavorativa, il professionista, sia che operi autonomamente sia come dipendente di un ente pubblico o privato, potrà acquisire ulteriori competenze in particolare su due livelli. Il primo orientato su specifici ambiti di intervento fra quelli coinvolti nella promozione e gestione del wellness, attraverso la frequenza di master o corsi di alta formazione. Il secondo attraverso la partecipazione a stages in Italia o all'estero presso enti o aziende che sviluppano progetti di elevata qualificazione in ambiti specifici della cultura del benessere. E' comunque auspicabile che l'aggiornamento e la formazione continua del nostro professionista sia aperta alla dimensione internazionale, anche sulla base del valore che ha il brand Italia nel mondo rispetto ai temi della "Qualità della vita".

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte, fortemente caratterizzate da competenze trasversali, sono necessarie una serie di conoscenze multidisciplinari su cui è articolato il corso di LM. La multidisciplinarità va vista come un dato epistemologico di tale formazione, essa non è "confusiva" ma complessa e tesa a favorire, nel secondo anno, l'orientamento dello studente su un ambito più specifico anche attraverso la possibilità di avvalersi di gruppi coerenti di discipline nell'ambito "Health and Wellness" e "Sport, Tourism and Culture", e infine sul lavoro di tesi di laurea.
Questa impostazione intende conciliare la dimensione globale e necessaria dell'impianto formativo, con l'intenzione di portare lo studente a una scelta di campo non specialistica ed esclusiva, ma inclusiva nel sapersi collocare e collegare alla visione complessiva della formazione. Il principio del "agire localmente e pensare globalmente" che è alla base del concetto di sviluppo sostenibile, anima l'impianto formativo di questa LM assumendo che il Wellness come noi lo pensiamo si basa sul principio di "benessere sostenibile" (Wellbeing). Come tale non è un concetto oggettivamente circoscrivibile, ma richiede la capacità di progettare interventi e applicare conoscenze e competenze da parte del futuro laureato in un campo specifico (localmente), ma con un'azione coordinata e co-responsabile capace di integrare potenzialità e risorse (globalmente).
Rispetto alle attività e ai compiti che il laureato magistrale sarà chiamato a svolgere, le competenze che il corso intende valorizzare attraverso il suo impianto formativo sono orientate essenzialmente su tre livelli:
a) capacità di lettura dei bisogni (criticità, carenze) connessi ai temi del wellness e della sua promozione in un determinato territorio;
b) capacità di progettazione e gestione di interventi sostenibili orientati alla promozione della qualità della vita e verificabili negli obbiettivi che si intendono raggiungere;
c) capacità di visione sistemica dei temi e degli ambiti connessi al benessere e quindi di saper lavorare in team valorizzando e mettendo in relazione soggetti e professionalità diverse.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Il professionista sarà in grado di operare come libero professionista o lavoratore dipendente presso:
- Aziende e organizzazioni che operano nel campo del benessere e della salute con la produzione di beni e/o servizi
- Società sportive
- Enti Locali, per le competenze negli ambiti del turismo e della cultura
- Scuole ed enti di formazione
- Società che operano nel campo della comunicazione e dell'informazione
- Imprese che operano nel campo del turismo e del turismo sportivo.


Parere delle parti sociali

Per visionare le consultazioni con le parti sociali che il Corso di Studio ha effettuato dall' a.a. di prima istituzione sino ad oggi, si rimanda alla lettura dei rispettivi quadri nelle schede complete SUA-CdS, pubblicate sul sito Universitaly ( http://www.universitaly.it/)



Manager didattico

Dott.ssa Shara Cattarozzi
Via dei Mille 39
tel. 0541- 434562
e-mail: farbiomot.wellness@unibo.it

Contatti e recapiti utili

Uffici e servizi della sede di Rimini