La dimensione internazionale della Scuola

Accordi, programmi di scambio e opportunità per gli studenti

L'internazionalizzazione è una dimensione connaturata a tutta l’offerta formativa della Scuola e gli studenti sono incentivati a svolgere parte del proprio lavoro di tesi all’estero e/o a partecipare a programmi di mobilità internazionale in Europa e in nazioni extra-europee per periodi di studio, tirocinio o ricerca.

L’attività di internazionalizzazione della Scuola si pone il duplice obiettivo di aumentare il numero di laureati che maturano un’esperienza all’estero e dare loro quella formazione che li renda competitivi e pronti ad affrontare le sfide globali sulla scena internazionale. 

I piani didattici delle Lauree Magistrali a Ciclo Unico in Farmacia e CTF (Chimica e Tecnologia Farmaceutiche) comprendono materie specifiche richieste dalla legislazione europea per i consentire una preparazione in linea con le direttive EU, per la libera circolazione dei Farmacisti in Europa. In base alle direttive europee è previsto anche un tirocinio pratico  da effettuarsi presso Farmacie aperte al pubblico o Farmacie ospedaliere.  Tale tirocinio consiste in 900 ore da effettuarsi in sei mesi, tre dei quali possono essere svolti in paesi europei.

Le lauree professionalizzanti in Scienze farmaceutiche applicate e Controllo di qualità dei prodotti per la salute affrontano temi di dimensione globale dando ad esempio una formazione specifica sulle normative europee vigenti quale la normativa Reach (Registration, evaluation, authorisation of chemicals, Regolamento CE 1907/2006), che mira ad assicurare un maggior livello di protezione della salute umana e dell’ambiente attraverso la conoscenza di pericoli e rischi dei prodotti chimici esistenti e nuovi.

Il corso di Laurea in Biotecnologie ha aumentato i crediti per la lingua inglese, conoscenza fondamentale in tutti i settori delle biotecnologie. Per laurearsi lo studente dovrà aver conseguito il livello B2 di inglese. Il percorso formativo favorisce sia periodi di formazione all’estero attraverso i programmi Erasmus che la stesura dell’elaborato della prova finale in inglese. Inoltre, ogni anno si immatricolano al corso di Laurea in Biotecnologie fino a 5 studenti stranieri.

Le Lauree Magistrali in Biotecnologie (Farmaceutiche - Molecolari e Industriali) e in Biologia (Molecolare e Cellulare – Biologia della Salute) per le loro caratteristiche sperimentali ed applicative richiedono un periodo di tirocinio da svolgersi presso Istituzioni pubbliche e/o private e/o Aziende sia in Italia che in Europa o USA. Ne deriva che la stesura dell’elaborato di tesi Magistrale sarà in lingua inglese al fine della massima diffusione del lavoro svolto. In media, almeno 1/3 dei laureandi per Anno Accademico svolge il proprio tirocinio (da 6 a 8 mesi) in paesi Europei.

L’area delle Scienze motorie della Scuola aderisce al Network internazionale “International Network on Sport and Health Sciences (INSHS)” che ha lo scopo di favorire l’interazione nella ricerca e la progettazione di percorsi didattici condivisi. Promuove inoltre manifestazioni internazionali. Nel 2004, presso la sede di Rimini, è stata organizzata per la prima volta la Summer School Education and Sport  (EduSport)  che è giunta alla sua 11a edizione.

Ogni anno diversi studenti internazionali  scelgono di frequentare i Corsi di Studio della Scuola di Farmacia Biotecnologie  e Scienze motorie partecipando ai Programmi di cooperazio­ne interuniversitaria   Erasmus Mundus  e   “Scienza senza Frontiere CSF” ( Brasile).